Collaborazione Alpine-Red Bull per portare Herta in F1, programmato un test sull'A522 in Ungheria

img

Colton Herta, pilota IndyCar su cui l’AlphaTauri ha manifestato un certo interessamento negli ultimi giorni, si starebbe preparando a sostenere un importante test con il team Alpine all’Hungaroring. Se pensate però che la squadra francese voglia soffiare l’americano alla Red Bull vi sbagliate di grosso. Scopriamo cosa si nasconde dietro a questa decisione.

L’Alpine, dopo essersi fatta sfuggire Piastri da sotto il naso (l’australiano guiderà per la McLarennel 2023), vuole prendere un pilota di livello e vede in Pierre Gasly la figura perfetta per farsi anche perdonare la brutta figura fatta lo scorso agosto con Oscar.

La Red Bull però non si sbarazzerà del francese così facilmente, gli austriaci hanno puntato Herta, ma l’americano non è ancora in possesso del giusto quantitativo di punti sulla superlicenza, tali da ricevere il via libera dalla FIA per correre in F1.

Alpine-Red Bull, i termini della collaborazione

Così, secondo quanto riporta ‘Motorsport.com’ le due squadre sarebbero giunte ad un accordo. L’Alpine aiuterà la Red Bull a soddisfare i requisiti richiesti dalla FIA concedendo uno shakedown a Colton Herta così da poter arrivare ad ottenere le prestazioni di Pierre Gaslyper la prossima stagione.

Anche la McLaren può contribuire alla superlicenza

Herta, prima della fine del mondiale, potrebbe inoltre ricevere l’opportunità di sostenere una sessione di prove libere al volante della McLaren (attività promossa dalla FIA per aiutare i giovani piloti a trovare spazio in Formula1). A tal proposito il CEO del team, Zak Brown ha commentato: Colton è sicuramente un’opzione per noi, ma qualunque cosa faremo sarà fatta nell’interesse McLaren e non per aiutare l’AlphaTauri, riporta 'Soymotor.com'.

La cosa migliore per il team di Woking sarebbe quella di far girare Oscar Piastrisulla MCL36, il problema però in questo caso è che il pilota ha ancora un contratto con Alpine fino al termine del 2022 e dal momento che l’australiano sta ancora contribuendo allo sviluppo della vettura sarà molto difficile ottenere le sue performance in quest’ultima fase dell’anno. Ovviamente anche la vicenda legale che ha interessato le due squadre quest’estate costituirà un ulteriore elemento di divisione in tal senso.

 

Leggi anche: Backstage Williams, Nyck de Vries ha corso a Monza con 13 chili di zavorra. Il motivo

Leggi anche: GP Italia 2022 - Analisi strategie: caccia aperta alle responsabilità Ferrari, riemerso un problema

Foto: Twitter, Herta

×