Red Bull, Newey: Mercedes? Mi aspettavo distanze maggiori, forse ha un concept migliore del nostro

img

Il direttore tecnico della Red Bull, Adrian Newey, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Auto Motor Und Sport. Ve ne proponiamo un estratto in cui si è soffermato sul regolamento entrato in vigore quest'anno, sulla battaglia con Ferrari e Mercedes, nonché sui miglioramenti mostrati dalle Frecce d'Argento nel finale di stagione. Durante la chiacchierata con i colleghi tedeschi, il noto ingegnere non ha escluso che il progetto del team di Brackley possa nel futuro prossimo rivelarsi il più vincente di tutti.

Le parole di Adrian Newey

Di seguito un estratto delle dichiarazioni rilasciate da Newey alla testata tedesca:

"Quando ho letto le regole per la prima volta due anni fa, ero davvero frustrato. Sembravano estremamente restrittive. Devo ammettere che lavorando su queste vetture ho dovuto cambiare idea. Ci sono anche aree in cui si può agire sorprendentemente con molta libertà. Come ad esepio i sidepod laterali e il sottoscocca".

Sul nuovo corso della Formula 1

"È più eccitante perché le macchine sono così nuove. Tutti noi stiamo percorrendo una curva di apprendimento ripida. Le auto dello scorso anno sono state il prodotto di un lungo processo di sviluppo".

Sul 2022

"All'inizio c'erano due squadre allo stesso livello, noi e la Ferrari. Alla fine della stagione la Mercedes è diventata sempre più forte. Ad essere onesti, mi aspettavo distanze maggiori. Ciò significa che nessuno di noi ha assolutamente ragione. Non bisogna mai considerare le singole parti, come ali o sidepods, da sole. Tutto funziona nel pacchetto. Una scatola laterale Ferrari non si adatta al nostro sottoscocca e viceversa. C'è sempre un'interazione tra questi elementi".

Sulla Mercedes

"È stata una vera sorpresa. Avevamo trascurato questa scappatoia. La Mercedes è migliorata sempre di più con il passare dell'anno. Francamente, non abbiamo avuto il tempo di esaminare il loro concetto nel dettaglio. Sotto regime di budget cap non puoi più permetterti questo lusso. Ecco perché si percorrono prima le strade che si pensa possano dare il massimo rendimento. Con la Mercedes, tutti prenderanno in mano la matita copiativa solo quando il concetto avrà improvvisamente un successo duraturo".

Sul progetto Red Bull e sul futuro prossimo

"Continueremo a sviluppare il nostro concetto perché lo conosciamo meglio. Ma non oso dire se la nostra strada sia la migliore. È possibile che qualcun altro svolterà con un'idea migliore. Forse un altro concetto, che oggi è ancora in ritardo, ha un potenziale di sviluppo molto maggiore. Pensate al doppio diffusore. Questa scappatoia nel passaggio da terra al gradino era sempre lì. Era solo che nessuno l'aveva scoperto".

Leggi anche: Caso Binotto. Gazzetta, durissima replica ad Alesi: «Ferrari, lascia a piedi i soliti perdenti»

Leggi anche: Modifiche al regolamento 2023, Tombazis: «Bandite le innovazioni di Mercedes e Aston Martin»

×